A huge collection of 3400+ free website templates JAR theme com WP themes and more at the biggest community-driven free web design site
Home / Azioni / Azioni banche sicure Febbraio 2017

Azioni banche sicure Febbraio 2017

La crisi bancaria sta aprendo scenari disastrosi, per l’economia italiana e non solo. Alcuni istituti, però, appaiono molto solidi e in grado di offrire opportunità sia per i risparmiatori che per i trader. I loro titoli azionari, infatti, sono protagonisti di ottime performance.

Quali sono le azioni banche italiane da comprare? Per rispondere a questa domanda è possibile prendere come riferimento le performance delle ultime 52 settimane.

Azioni italiane banche: la top 5

Secondo quanto riporta Morningstar, il primo posto è appannaggio di Mediobanca, il cui titolo ha fatto segnare nell’ultimo anno un ottimo +22,42%. E’ andata molto bene anche Banca Mediolanum, che si aggiudica il secondo posto con il +19,51%. Sul podio anche BPER, che fa registrare +17,57%. Chiudono la top 5 Banco Desio Brianza con 11,30% e Banca Generali con il +10,36%.

azioni

Un indicatore utile per capire quali siano le azioni banche italiane da comprare è il CET1, acronimo di Common Equity Tier 1. Si tratta del rapporto, espresso in percentuale, tra il capitale ordinario versato e le attività impiegate. In buona sostanza, il CET1 ci informa sulle risorse che un istituto riesce a mettere in campo per garantire i prestiti erogati ai clienti. Indirettamente, quindi, offre una misura dei rischi derivanti dai crediti deteriorati.

Stando a una ricerca di Panorama, a offrire il CET1 più alto è il Banco di Sardegna (28,7%), seguito a breve distanza da Fineco (23,4%). Si conferma in salute anche da questo punto di vista Banca Mediolanum (20,4%). Ottimi risultati, infine, anche per Banca Intesa San Paolo e Banca Generali (rispettivamente15,3%).

Per le ultime vi consigliamo di leggere il recente articolo: http://www.tradingonline-news.com/generali-intesasanpaolo-mediobanca-cosa-sta-succedendo/

Settore a bancario: chi è a rischio fallimento

Se per un investitore è importante capire quali siano le azioni banche italiane da comprare, è altrettanto importante capire quali siano invece da evitare. E’ utile, in questo caso, conoscere i titoli azionari che, nel corso delle ultime 52 settimane, abbiano registrato il calo più importante. Il primo posto è appannaggio di MPS, che ha perso in un anno il 74,44%. Pessima performance anche per Banco BPM, che spicca con un disastroso -53,25%. Idem per Unicredit, che si posiziona terzo con un -44,13%. Completano la top 5 delle banche con il calo di quotazione più importante Banca Carige e Credito Valtellinese (-35,30%). Totalmente fuori concorso è Banca Veneto, che è stata in grado di perdere il 99%, passando a 62 euro a 10 centesimi (il dato però si riferisce all’intero 2016 e non alle ultime 52 settimane).

Per capire quali siano le banche italiane da evitare, da un punto di vista azionario, è sufficiente forse dare un’occhiata agli istituti posti sotto commissariamento dalla Banca d’Italia, e pertanto a rischio fallimento. Tra le grandi banche spiccano MPS (nonostante il sostanzioso piano di salvataggio), Veneto Banca e Banca Popolare Vicenza. La lista dei pesci piccoli è lunga e comprende molte banche regionali: Banca Brutia, Cassa di Risparmio di Chieti, Banca Padovana, BCC Irpinia Avellino, Banca Popolare dell’Etna, Banca Romagna Cooperativa, BCC Terra d’Otranto, Cassa rurale di Folgaria, Banca Popolare delle Province Calabre, Banca di Cascina).

Risk Disclaimer

Tutti i contenuti pubblicati si basano sull'opinione personale dell’autore delle condizioni di mercato alla data e ora della pubblicazione. Si prega di notare che, laddove le opinioni sono state espresse, l’autore potrebbe aver potuto cambiare idee in fasi successive. Qualsiasi valutazione o le ipotesi sottostanti sono basate esclusivamente sulla conoscenza del mercato dell’autore e dalla sua personale esperienza e il cambiamento delle condizioni può determinare una modifica delle valutazioni stesse anche pochi istanti dopo la pubblicazione. Precisiamo che i contenuti forniti sono destinati esclusivamente a scopi informativi e non dovrebbero essere considerata come una raccomandazione per acquistare o vendere. Si ricorda inoltre che il trading online è un'attività rischiosa e può indurre alla perdita del capitale investito. Tradingonline-news.com si declina da ogni responsabilità circa l'utilizzo delle informazioni qui riportate per scelte di investimento personali.

About Lorenzo

forex trader

Controlla pure

Investire in Tabacco, Casino e Alcool

Indice dei Contenuti1 Investire in tabacco, alcol e gioco d’azzardo: rendimenti costanti?2 Perché gli investimenti …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

+