A huge collection of 3400+ free website templates JAR theme com WP themes and more at the biggest community-driven free web design site
Home / trading etf / ETF o fondi comuni? La migliore scelta per il long term

ETF o fondi comuni? La migliore scelta per il long term

13Gli ETF sono degli strumenti che sono da poco entrati nell’immaginario collettivo degli investitori non professionisti, come anche dei piccoli risparmiatori. Il merito va alle prestazioni di cui si sono resi protagonisti, ma anche allo spazio che hanno acquisito in seno alle banche tradizionali e ai broker specializzati nel trading online. Se si parla di lungo termine, gli ETF scontano un certo ritardo – dal punto di vista della percezione degli utenti – rispetto a uno strumento che da sempre è molto apprezzato: i fondi comuni.

etf tradingLa domanda da porsi, quindi, è la seguente: in una prospettiva di lungo periodo, sono meglio gli ETF o i fondi comuni? Per scoprirlo è necessario analizzare i loro tratti peculiari, nonché le differenze tra i due strumenti.

ETF e fondi comuni, cosa sono?

ETF è l’acronimo di Exchange Trade Fund. Vengono scambiati come le azioni, quindi possono essere considerati un asset. Nondimeno, offrono un rendimento. La differenza sostanziale tra le azioni e gli ETF è però la seguente: le prime rappresentano le prestazioni di una sola società, i secondi riflettono l’andamento d un segmento intero, di un mercato, di una borsa nazionale o, più raramente, di un paniere formato da realtà eterogenee. Gli ETF, in fin dei conti, si “limitano” a replicare l’andamento di un benchmark, e per tanto sono caratterizzati da una certa “passività”. Non si tratta di un limite, anzi: la discrezionalità del gestore è ridotta al minimo, così come la possibilità di un suo errore, e interviene nella fase strategica piuttosto che in quella operativa.

I fondi comuni di investimento sono invece strumenti di gestione attiva. Il gestore letteralmente investe il denaro immesso da chi sottoscrive il fondo. Sono prodotto molto meno sicuri ma che possono potenzialmente portare guadagni elevati. Ovviamente il grado di sicurezza dipende dalla bravura del gestore ma anche dalle attività di investimento, della quale il sottoscrivente può fin dall’inizio farsi una idea, che è chiara certo ma non chiarissima.

Differenze tra ETF e fondi comuni

Oltre alla differenza principale, frutto della dicotomia attività/passività, se ne segnalano altre.

  • Costo delle commissioni. I fondi scontano commissioni di vario tipo: di ingresso (proporzionale alla quantità di denaro conferito), di gestione e di performance (nel caso in cui si raggiungessero obiettivi di profitto). Gli ETF propongono solo le prime due commissioni, e per giunta in una variante molto più sostenibile.
  • Modalità di investimento. Gli ETF sono disponibili nelle piattaforme adibite agli investitori, sicché almeno in linea teorica non necessitano di intermediazione. Tale possibilità è preclusa ai fondi, che richiedono sempre l’intervento di un consulente finanziario.
  • Accesso al trading. Gli ETF sono immediatamente commerciabili sui canali del trading online, proprio come se fossero un asset qualsiasi.
  • Dividendi e cedole. I fondi offrono cedole e dividendi, in modo fa fornire una rendita più o meno ampia. Gli ETF non godono di questa possibilità.

ETF per investire su settori alternativi nel lungo termine

Ci sono numerosi etf su cui investire ma vogliamo focalizzare l’attenzione su alcuni settori in particolare come:

  • ETF per investire sull’acqua (conosciuto anche con il termine di oro blu): fra tutti vi indichiamo iShares Global Water e Lyxor ETF World Water
  • ETF su tabacchi e su cannabis (marijuana terapeutica): attualmente non disponibile per gli investitori italiani
  • ETF sulla robotica e innovazione: vedi QUI

Si tratta di alcuni settori anticiclici che potrebbero dare risultati inaspettati per i prossimi anni… a voi lo studio!

A questo punto, la palla passa all’investitore. Tocca a lui, in base a queste differenze, scegliere gli ETF piuttosto che i fondi comuni. Per il long term, però, vista anche la capacità dei fondi di rilasciare cedole e dividendi, pare più sensata questa opzione.

Risk Disclaimer

Tutti i contenuti pubblicati si basano sull'opinione personale dell’autore delle condizioni di mercato alla data e ora della pubblicazione. Si prega di notare che, laddove le opinioni sono state espresse, l’autore potrebbe aver potuto cambiare idee in fasi successive. Qualsiasi valutazione o le ipotesi sottostanti sono basate esclusivamente sulla conoscenza del mercato dell’autore e dalla sua personale esperienza e il cambiamento delle condizioni può determinare una modifica delle valutazioni stesse anche pochi istanti dopo la pubblicazione. Precisiamo che i contenuti forniti sono destinati esclusivamente a scopi informativi e non dovrebbero essere considerata come una raccomandazione per acquistare o vendere. Si ricorda inoltre che il trading online è un'attività rischiosa e può indurre alla perdita del capitale investito. Tradingonline-news.com si declina da ogni responsabilità circa l'utilizzo delle informazioni qui riportate per scelte di investimento personali.

About Lorenzo

forex trader

Controlla pure

trading etf

Trading ETF

Gli etf o exchange traded funds sono fondi d'investimento di tipo passivo. Il trading etf …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *