Piattaforma di trading online: come sceglierla

Una delle prime scelte che un aspirante trader deve effettuare riguarda la piattaforma di trading online. Non è una scelta da poco. Anzi, essa può condizionare i risultati e, in qualche modo, impattare in maniera significativa sui destini dell’attività di trading. E’ anche una scelta difficile da effettuare poiché in questa concorrono numerosi fattori, alcuni dei quali si distinguono per un carattere spiccatamente tecnico. Inoltre, almeno in una buona parte dei casi, non è possibile valutare la qualità di una piattaforma di trading online senza prima provarla.

In questo articolo affrontiamo l’argomento. In primo luogo, spiegando perché la questione della piattaforma sia così importante; secondariamente, offrendo qualche consiglio per scegliere bene.

Perché la piattaforma di trading online è importante

Con il termine piattaforma trading online, molto banalmente, si indica un software che consente di gestire e in ultima analisi portare avanti le proprie attività di trading. E’ la piattaforma che accoglie ed esegue gli ordini. Ovviamente, le sue funzioni non si limitano a questa, ma è comunque la più importante.

Soprattutto, la piattaforma trading online offre una interfaccia attraverso la quale è possibile gestire analisi, strategia e operatività in modo tutto sommato semplice, quasi intuitivo.

L’importanza della piattaforma di trading online sta tutta qui: è un tramite e allo stesso tempo un ambiente di trading. E’ ciò che separa, e allo stesso tempo unisce, il trader dal mercato. Contestualmente, è l’ambiente tecnico e funzionale al cui interno il trader opera.

In tutte le attività, abbiano queste a che fare con il trading o meno, il mezzo e l’ambiente influenzano tutto il resto. Le piattaforme di trading – che, ripetiamo, sono sia mezzo che contesto – non fanno eccezione.

Facciamo qualche esempio. Se la piattaforma non è ben ottimizzata, e quindi è lenta, eseguirà gli ordini con ritardo, causando una discrepanza tra le volontà del trader e l’atto che ne consegue. Il danno è sempre considerevole, e lo è ancora di più se si utilizzano approcci di trading che si basano sulla immediatezza, come lo scalping.

Allo stesso modo, se la piattaforma ha una pessima interfaccia, il trader verrà rallentato nelle sua attività di pianificazione, analisi, strategia e operatività, perdendo in efficacia.

Alla luce di tutto ciò, si capisce l’enorme importanza che la scelta della piattaforma di trading online ricopre nelle prime fasi dell’attività di trading (e anche in quelle successive).

Come deve essere una piattaforma di trading online

Quali caratteristiche deve avere una piattaforma di trading online? Gli elementi da prendere in considerazione sono numerosi, ma in questo articolo – per ragioni di brevità – ne prenderemo in considerazione solo i tre più importanti.

Velocità. Lo abbiamo accennato nel paragrafo precedente: la velocità è importante quando si fa trading online. ll mercato può mutare aspetto da un momento all’altro, dunque ritardare l’entrata – se le analisi indicano che quello è il momento giusto – è molto pericoloso. Ora, se tale ritardo è causato dalla piattaforma, essa va certamente cambiata.

Interfaccia. Il trader opera attraverso l’interfaccia. Una buona piattaforma di trading online facilità l’attività del trader, rendendola più fluida e semplice. L’ideale è tradare su una piattaforma ordinata, in cui le funzioni più importanti sono sempre a schermo e le altre sono ben catalogate e rapidamente raggiungibili.

Parco strumenti. Una piattaforma non dovrebbe limitarsi alla mera operatività ma dovrebbe offrire, per esempio, anche strumenti di analisi, come indicatori, oscillatori etc. Scartate le piattaforme che non rispettano questo importante requisito.

Come scegliere la piattaforma trading online

La vera scelta è tra piattaforma proprietaria e piattaforma terza. Una piattaforma proprietaria è una piattaforma creata da o per un determinato broker. Il pregio – presente quasi di default – è una totale compatibilità tra software e broker. Il difetto è una certa variabilità ed eterogeneità dell’offerta.

Di converso, la piattaforma terza è una piattaforma realizzata da uno sviluppatore che non ha nulla a che vedere con il broker, e che il broker adatta per far tradare i suoi membri.

In linea di massima, il consiglio è di valutare sempre la presenza degli elementi descritti nel paragrafo precedente, se possibile anche aprendo un conto demo (quando questo non vincola all’apertura di un conto reale). In caso contrario, andate sul sicuro e scegliete la piattaforma di trading online “terza” più famosa e diffusa: MetaTrader 4.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *