Puoi fare il trader? Ecco un breve test per capirlo

Fare il trader è l’obiettivo di tanti. Alcuni sono consapevoli a cosa vanno incontro, altri rincorrono la chimera del facile guadagno online. Ne consegue che solo pochi riescono realmente a diventare trader professionisti e trarre dalla loro attività un reddito più o meno costante.

Sei tra coloro che hanno qualche possibilità di diventare trader o la tua è una battaglia persa in partenza? In realtà, rispondere a questa domanda non è poi così complicato. E’ sufficiente porsi le domande giuste.

Di seguito presentiamo alcuni quesiti che, messi insieme, possono costituire un piccolo test per capire se il trading sia o meno una strada percorribile.

Le domande da porti se vuoi fare il trader

Di seguito, alcune domande per capire se hai qualche possibilità diventare trader. Ovviamente, dovresti poter rispondere sì a tutti i quesiti, o almeno alla maggior parte.

Sei capace di lavorare sotto pressione? E’ forse la domanda più importante. Il trading online è un’attività complicata, che richiede non solo significative conoscenze tecniche, ma anche doti morali specifiche. In particolare, la resistenza allo stress. Il mercato è infatti imprevedibile, la posta in gioco è alta. Il sangue freddo, insomma, è necessario.

Hai una buona autostima? Fare trading online vuol dire abbracciare il concetto di sconfitta. Tutti i trader perdono, anche i più bravi. Ovviamente, fa la differenza il rapporto vittorie-sconfitte, ma la sconfitta è sempre un evento improbabile. Ora, chi non è dotato di sufficiente autostima rischia di prendere male le inevitabili sconfitte, fino ad arrivare alla vera e propria sofferenza psicologicamente.

Sei disposto a studiare? Per fare trading occorre studiare. Nello specifico, prima e dopo aver intrapreso l’attività di investimento. La formazione è essenziale, sia per imparare il mestiere che per tenersi aggiornati, per rispondere alle tante sfide che il mercato, spesso in maniera imprevedibile, mette di fronte al trader.

Hai del capitale a disposizione? Checché molte pubblicità facciano passare il messaggio che sia possibile guadagnare con il trading partendo da capitali risicati, ciò in realtà è molto complicato. Certo, iniziare si può, ma da qui ad acquisire risultati considerevoli in termini finanziari il passo non è affatto breve.

Hai tempo a disposizione? Il trading part time è una possibilità, su questo non c’è dubbio. L’importante è che al trading, se l’obiettivo è generare guadagno, non ci si limiti a dedicare qualche minuto al giorno. E’ un’attività che richiede tempo, che invita alla riflessione, ma anche alla concentrazione e al controllo dell’esistente (ovvero il mercato).

Diventare trader: tre consigli

Studia la teoria e fai pratica. E’ impossibile anche solo immaginare di improvvisare, se lo scopo è guadagnare. Dunque, prima ancora di mettere piedi nel mercato, studiate. Fatelo sia dal punto di vista teorico che dal punto di vista pratico. Anche perché le opportunità per fare entrambe le cose senza spendere una fortuna ci sono tutte. E’ sufficiente saper cercare e avere almeno un po’ di pazienza.

Non lasciare nulla al caso. Per diventare un trader di successo devi occuparti di un aspetto in particolare: la pianificazione. Nello specifico, pianificazione della tua attività, pianificazione del lavoro di analisi, pianificazione della strategia e dell’operatività. Lo scopo è trasformare l’attività di trading in un qualcosa di simile a una scienza, o almeno che abbia il conforto della statistica. Chi comprende questo semplice concetto ha più probabilità di diventare trader in tempi brevi. Matura il giusto stato mentale. Fare il trader non vuol dire solo investire online. Vuol dire anche e soprattutto abbracciare uno stile di vita, se non addirittura uno stato mentale vero e proprio. Insomma, un individuo prima ancora di fare il trader, è un trader. Non è un dettaglio da poco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *