Seguire un corso di trading è utile?

Sicuramente ti sarai imbattuto in qualche pubblicità che promuove un corso di trading. Forse di queste pubblicità nei hai viste molte. Non dovresti stupirti: l’offerta di corso di trading è, attualmente, molto abbondanti, quasi su livelli di saturazione.

Ti sarai forse chiesto se questi corsi sono utili. Se possano rappresentare una risorsa per la formazione.

Nell’articolo che segue risponderemo esattamente a questa domanda.

Il ruolo della formazione nel trading

Prima di capire se i corsi di trading siano utili o meno, è bene fare una precisazione sul concetto di formazione. In primo luogo, essa è necessaria nel modo più assoluto. Non si tratta di imparare un po’ di regole e improvvisare. No, si tratta di effettuare un vero e proprio percorso di studi. Anche perché il trading è una materia complessa, il mercato è imprevedibile e la posta in gioco è sempre alta (il denaro, per esempio).

In secondo luogo, la formazione va intesa come un qualcosa di continuo. Non si studia solo prima, ma anche dopo aver iniziato a fare trading. Un po’ per aggiornarsi, un po’ per migliorarsi, un po’ per accogliere in modo intelligente le tante sfide che il mercato pone davanti.

Perché i corsi di trading sono utili

I corsi di trading sono utili, su questo non ci possono essere dubbi. Per capire la loro reale importanza, però, è bene sapere perché sono utili.

Formazione a 360 gradi. I corsi in genere rappresentano una risorsa completa. Certo, la finalità è sempre una (iniziare a fare trading, passare da principiante a professionista etc.) ma solitamente forniscono tutti gli strumenti necessari. Insomma, non sono frammentari. Questo ovviamente rappresenta una opportunità, se non altro perché fa risparmiare tempo.

Possibilità di mentorship. Certo, dipende un po’ dai casi, dal grado di qualità del corso e soprattutto dal docente. Tuttavia, chi segue un corso ha l’opportunità di imparare da un trader fatto e finito. E, perché no, instaurare un rapporto di mentorship.

A tal proposito ti invitiamo a visitare i webinar formativi sul trading online di XM con i trader professionisti come Lorenzo Sentino, Carlo Vallotto ed Enrico Gei.

Il trading in tempo reale. Anche in questo caso, dipende un po’ dai corsi. Tuttavia, l’opportunità è reale. Chi segue un corso, spese se online, può vedere un vero trader all’opera, quindi può imparare entrando a contatto con la pratica vera e propria. Sia chiaro, non tutti i corsi contengono sessioni di trading, ma la maggior parte sì.

Le opportunità di interazione.  Di nuovo, non è una prerogativa di tutti i corsi, ma comunque la norma è questa. Ovvero, di solito si concede allo studente la possibilità di contattare direttamente il docente, di porgli le domande e dirimere dubbi. Molto più spesso, è favorita l’interazione tra studente e studente, e quindi la formazione di community (ovviamente digitali).

Come riconoscere un buon corso di trading

Ok, i corsi di trading sono utili. Ma è ovvio: un corso non vale l’altro. Come fare a riconoscere quelli per cui vale la pena spendere denaro e tempo? Ecco qualche criterio efficace.

I contenuti. L’offerta potrebbe non essere adatta alle tue specifiche esigenze. Dunque, prima di acquistare un corso, verificare i contenuti. Potete farlo dai video di presentazione, dalle anteprime e dagli indici presentati (spesso e volentieri) nella pagina di vendita.

Il docente. Ovviamente, è necessario che a insegnare sia un trader fatto e finito, che abbia dalla sua esperienza e competenze. Non solo, è bene che sia dotato di capacità comunicative. Verificate la sua identità e cercate informazioni su di lui.

La forma. Il modo con cui sono presentati i contenuti è importante, se non altro perché incide sulla semplicità con cui si assimilano i concetti. Tra gli elementi che non devono mancare, delle ampie e chiare sessioni di trading.

L’interazione. Essa deve svilupparsi su due binari: interazione tra studenti e interazione con il docente. La prima consente di sviluppare il senso di comunità e trovare nuovi stimoli, la seconda consente di completare il processo di assimilazione dei contenuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *