Software trading: cosa sono e a cosa servono

I software di trading sono degli strumenti che facilitano l’attività di investimento e che, se utilizzati con cognizione di causa, sono in grado di aumentare le chances di profitto. La questione è più complessa di quanto si possa pensare, anche perché riguarda sia la sfera tecnologica che quella più prettamente operativa. Utilizzare i software di trading, infatti, significa sottostare a dinamiche particolari, diverse da quelle del trading classico. Ne parliamo in questo articolo. 

Una definizione di software di trading

I software di trading sono semplicemente strumenti che consentono di automatizzare specifiche fasi dell’attività di trading. Ne esistono essenzialmente di due tipi.

Indicatori. E’ il software base, sebbene si configurano come semplici estensioni delle piattaforma. Il loro scopo è processare i dati che emergono dal grafico secondo modelli particolari. Analizzando gli indicatori, un trader può ricavare segnali di entrata e di uscita.

Robot. Sono software veri e propri, molto complessi da un punto di vista tecnologico. Sostituiscono il trader durante l’operatività. Nello specifico, aprono e chiudono posizioni ogni volta che il mercato esaudisce le condizioni impostate precedentemente (che riguardano anche l’esposizione). Ogni robot è l’espressione di una o più strategie. 

Pro e contro dei software di trading

L’efficacia dei software di trading dipende, ovviamente, dall’uso che se ne fa. Di base consentono di aumentare le chances di profitto, ma un uso poco accorto genera danni anche ingenti. Ciononostante, si caratterizzano per alcuni pro e contro abbastanza oggettivi. Ecco i pro.

  • Eliminano l’errore umano. I software non sbagliano i calcoli, non la loro esecuzione almeno. Gli essere umani, invece, sì. 
  • Attenuano lo stress. Questo vale soprattutto per i robot. Questi, infatti, sostituiscono il trader nella fase dell’operativa, che è quella che genere le maggiori pressioni emotive. Di conseguenza, lo stress diminuisce. 
  • Non si stancano. Gli essere umani hanno dei limiti. Possono fare trading per otto o dieci ore al giorno (ed è già estenuante) ma nulla più. I software di trading possono lavorare all’infinito. Questo significa riuscire, potenzialmente, a sfruttare tutte le occasioni che il mercato pone davanti. 

Questi invece sono i contro.

  • Sono difficili da scegliere. L’offerta di software di trading è sterminata. Questo rappresenta un problema non da poco, dal momento che rende la scelta piuttosto difficile. Anche perché, ma questo è ovvio, un software non vale l’altro. Essi differiscono per qualità oggettiva e per compatibilità con lo stile del singolo trader. 
  • Sono difficili da utilizzare. Automatizzare non vuol dire sostituire, e nemmeno delegare tutto. I software vanno impostati, gestiti, monitorati. Per farli rendere al meglio, sono necessarie alcune competenze, sebbene alcuni software spicchino per accessibilità, almeno a un livello base. 
  • Richiedono un ambiente stabile. Quando si utilizza un robot, le interruzioni di corrente o della rete interne possono avere delle pessime conseguenze. Se potete, fate riferimento ai Virtual Private Server, che offrono un ambiente sicuro e performante. 

Consigli sui software di trading

Di seguito, qualche dritta per scegliere al meglio di software di trading. 

  • Verificare la strategia sottostante. Come già accennato, a ogni robot corrisponde una o più strategie. D’altronde sono semplicemente questo: strategie messe a sistema e automatizzate. Dunque, il grado di compatibilità, ma anche la qualità stessa di un software, si evince dalla strategia cui fa riferimento. 
  • Contattate lo sviluppatore. Prima di acquistare un robot, e di fare trading con esso, analizzatelo bene. Se la quantità e la qualità di informazioni che trovate su internet, magari sotto forma di feedback, non vi soddisfa, non esitate a chiedere direttamente allo sviluppatore delle info in merito. 
  • Richiedere una versione di prova. Alcuni robot possono essere provati prima dell’acquisto. Alcuni sviluppatori mettono a disposizione delle versioni di prova. Per ciò che concerne gli indicatori il discorso è diverso. Molti sono messi a disposizione gratuitamente dai singoli broker. Provate anche quelli, inizialmente attraverso gli account demo. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *